Archivio tag: distributore di gelati motta

Scuola del Gelato con Ristopiù Lombardia e Antica Gelateria del Corso

scuola del Gelato

Ti aspettiamo alla Scuola del Gelato di Antica Gelateria del Corso per scoprire tutti i MANTECATI!

Lunedì 18 Aprile

dalle 9.30 alle 11.30

oppure dalle ore 15.00 alle ore 17.00

Via Monte Tre Croci Varedo, sede Ristopiù Lombardia

 

Troverai i migliori gusti delle categorie CREME, FRUTTA e VARIEGATI nei formati grande e piccolo.
Inoltre scoprirai tante informazioni utili:

  • Il posizionamento giusto dei mantecati all’interno della VETRINA (statica o ventilata)
  • La preparazione di PORZIONI omogenee, anche quando il personale cambia
  • L’ABBINAMENTO GUSTI migliore
  • La DECORAZIONE di coppe e vaschette

Ti spiegheremo perché L’ ACQUA è NEMICA DEL GELATO e potrai fare delle PROVE PRATICHE sotto la guida dei nostri esperti!

GRAN MORO FONDENTE CARAMELLO

gran moro antica gelateria del corso

Gelato al gusto di panna e al caramello con sciroppo al caramello (6%) e copertura al cioccolato (26%).

Ingredienti: latte scremato reidratato, acqua, pasta di cacao, zucchero, sciroppo di glucosio, oli vegetali (palma, cooco), siero di latte in polvere, grasso del latte anidro, burro di cacao, caramello 1,3% (zucchero, acqua), sciroppo di glucosio fruttosio, destrosio, burro salato, emulsionanti mono- e digliceridi degli acidi grassi – E476 – lecitine, latte scremato zuccherato concentrato, zucchero caramellizzato, addensanti gomma di guar – farina di semi di carrube – carragenine – alghe euchema trasformate, aromi naturali, amido modificato, colorante caramello, sale, correttore di acidità acido lattico. Può contenere tracce di frutta a guscio, uova.

Aforisma Luciana Littizetto e il gelato

aforisma gelato

 

Non prendiamo il gelato nella coppetta per poi fare quel mischiolino che mette tristezza. Meglio il cono che fa colare il gusto malaga giù per il braccio ma è anche l’unico modo che ci è rimasto per tornare bambini.
(Luciana Littizzetto)

Gelato e letteratura

gelateria e gelatoMolti artisti e letterati hanno inserito nelle loro grandi opere riflessioni sulla cucina, pensiamo a Marinetti e ai futuristi.

Esiste un trattato di scalcheria e cucina “Lo scalco alla moderna”, di Antonio Latini (1692), in cui si possono rintracciare le origini del gelato. L’autore scrive un intero capitolo “Trattato di varie sorti di sorbette, ò di acque agghiacciate” in cui si trovano ricette che insegnano la procedura corretta per mescolare la neve con zucchero, sale, succo di limone e altri ingredienti come fragole, amarene, cioccolata. Un vero e proprio atto di nascita del gelato.

Il medico Filippo Baldini, un secolo dopo, pubblica a Napoli il “De’ Sorbetti”, primo libro interamente dedicato ai sorbetti, dove si rintraccia una vera catalogazione: esistono i subacidi (alla frutta), gli aromatici (alla cannella, al cioccolato, al caffè ecc.) e lattiginosi (i nostri gelati odierni).

Quindi dal sorbetto, dalla neve ancora prima, ha origine il gelato.

Gelati al prosecco a Valdobbiadene

red-red-wine-1335583-mIn occasione della 2° Giornata Europea del Gelato Artigianale, a Valdobbiadene si è tenuto il concorso “Gelato a Prosecco: il migliore gelato fatto con con Prosecco docg Valdobbiadene. L’evento, inaugurato dal Governatore Luca Zaia per l’Antica Fiera di San Gregorio da Longarone Fiere in collaborazione con l’Amministrazione del Comune della Marca Trevigiana, ha raggiunto un notevole successo, 40 mila visitatori per le tre giornate previste .

Vincitrice del concorso è la gelateria “Casa del Gelato” di Denis Ongaro.

Niente gelato a Milano

duomo di milanoSta facendo molto scalpore la nuova ordinanza del Comune di Milano che vieta il consumo di gelato per le vie della città, dopo le ore 24.

Il sindaco Pisapia raccnta che si tratta solo di un provvedimento che mira a diminuire gli schiamazzi notturni nelle vie del centro, per rendere la convivenza tra persone più civile.

Non mancano le polemiche da parte di giovani e turisti, che si vedono limitati nei momenti di svago dei fine settimana. Non mancano le polemiche degli esercenti che, in un momento di crisi come quello che sta attraversando il nostro Paese, si vedono costretti a chiudere prima le loro attività.

Come andrà a finire?