La tipicità della cucina tedesca

cucina tedesca

La cucina tedesca che oggi si può apprezzare in tutta la Germania nasce sotto il dominio prussiano. Nonostante gli ingredienti base come patate, carne, crauti e birra siano gli stessi, sul territorio esistono molte differenti tradizioni gastronomiche.

I tedeschi apprezzano molto il contrasto dolce/salato, infatti spesso le carni sono accompagnate da salse dolci a base di frutti.

I pranzi e le cene iniziano con una zuppa o una minestra di verdure – piselli o patate – o di carne. Qualche volta c’è l’antipasto che tra le portate ha l’insalata. Il re dei pasti è il piatto di carne o pesce, servito con almeno due contorni di verdura a base di piselli, patate, crauti, fagioli e barbabietole.

La birra è senza ombra di dubbio la bevanda preferita, seguita dai preparati a base di succo di mela. Sulle tavole tedesche non manca mai il dessert che si presenta molto sostanzioso.

La colazione è preferibilmente salata, composta da pane e brezel con salsiccia e formaggio.

Scopri i brezel anche in Italia

brezelSiamo abituati a pensare ai brezel come un prodotto esclusivamente tedesco, in realtà possiamo vantare anche noi una ricca tradizione.

Il merito va attribuito alla lunga dominazione austriaca nei territori del nord est, in particolare in Trentino Alto Adige. Qui i brezel sono molto amati e fanno parte della cultura culinaria del posto, la cosa sorprende poco, se si pensa che questa zona d’Italia è una terra di mezzo in cui la popolazione sta a cavallo tra la cultura nordica e quella mediterranea.

L’Oktoberfest è tornato

brezelCi siamo, è alle porte. La nuova edizione dell’Oktoberfest sta arrivando e dal 20 Settembre al 5 Ottobre si aprono le porte della città di Monaco per ospitare i visitatori (ben 7 milioni) provenienti da tutto il mondo.

Come ogni anno per la città, ma anche per tutta la Germania, scorreranno fiumi di birra e si consumeranno quantità spropositate di carne: galletti, stinchi e salsicce di maiale, bistecche di toro.

Come non citare gli amati brezel? Salati o dolci, ce ne saranno per tutti i gusti. I brezel sono ottimi mangiati ancora caldi, croccanti fuori e morbidi dentro, magari accompagnati dal tipico formaggio Bavarese insaporito con il pepe.

Buon Oktoberfest a tutti!

Vestirsi con i brezel

brezelLa moda brezel ha cntagiato giovani e meno giovani, tanto da diventare parte dell’abbigliamento. Esste una vera e propria linea di oggettistica sulla quale troneggia la simpatica raffigurazione di un brezel: berretti, borse, maglie, felpe, bavaglie e abitini per i più piccoli, eccetera.

Con un prezzo contenuto potete acquistare su questo sito Spreadshirt il vostro brezel da indossare.

Il ragazzo del brezel

statua ragazzo brezelNella bellissima cittadina tedesca di Speyer, meglio conosciuta come Spira, esiste una fontana raffigurante un giovane ragazzo che tiene in mano un brezel per venderlo e nell’altro braccio una raffigurazione della città. Alle sue spalle c’è un cesto capiente contenente i brezel simbolo della città.

Ogni anno sul finire del mese di luglio a Spira si tiene una festa chiamata appunto Brezelfest con giochi e luna park, in cui si vendono chili e chili di brezel (è usanza gettarli anche tra la folla) e si bevono litri di birra. A corredare il tutto ci sono sfilate di carri allegorici.

I mercatini di Natale

mercatini di nataleCon l’arrivo del Natale in molte città italiane – e non solo – spuntano i tanto amati mercatini, dove trovare addobbi natalizi fatti con preziosi materiali come il vetro soffiato, numerosi monili di ogni tipo e colore, prodotti naturali per la cura del corpo e dello spirito, cibi e alimenti provenienti dai paesi del nord e tra questi gli immancabili brezel.

Se volete passare un fine settimana rilassante alla scoperta di antiche tradizioni, sicuramente i mercatini del popolo di Rovereto fanno al caso vostro. Potrete assaggiare diversi piatti come i canederli di speck, l’orzetto di verdure, strudel e trecce con diversi ripieni, brezel dolci o salati, al formaggio o con la glassa al cioccolato, alla pizza o al krapfen.

I mercatini di natale di Rovereto si trovao in via Roma nel centro storico della città.

Il nodo del Brezel

prezel panino“schlingen”  è il nome del metodo utilizzato per fare il famoso nodo del Brezel e significa sostanzialmente lancio.

Ci volgiono anni di pratica per avvicinarsi all’abilità di un panettiere tedesco nel compiere questa operazione e relizzare dei brezel non solo buoni ma anche belli.

Come prima cosa si formano dei cilindri dalla foma allungata, relizzati rotolando il panetto sul piano di lavoro, poi si procede al lancio delle due estremita, incrociandole, questa operazione si compie effettuando una leggera torsone dell’impasto. Il cilindretto sarà quindi più sottile alle estremità.

Con molto esercizio vedrete che i vostri brezel diventeranno come quelli realizzati in Germania!

Apertura dell’Oktoberfest

oktoberfestLa festa che vede protagonista il brezel è sicuramente l’Oktoberfest, che si celebra ogni anno a Monaco di Baviera.

Il momento più importante di qesta ricorrenza è l’apertura delle feste, che per tradizione spetta al sindaco della città.

Il primo cittadino, alle 12 esatte, inserisce il ribinetto nella botte inaugurale a colpi di martello e spilla la prima birra del nuovo anno. Subito dopo esclama ai presenti O’zapft isè stappata e la festa ha inizio.

La cerimonia di apertura è così importante e riconoscita, che negli ultimi anni viene trasmessa in diretta su tutte le tv tedesche e in molti altri Paesi del mondo.

Brezel alla cannella

prezel e cannellaEcco un suggerimento su come servire i vostri Brezel in modo diverso.

Invece che servirli come pane da accompagnare ad un bel piatto a base di carne, proviamo a pensarli come dolci.

Procuratevi dei brezel senza la copertura di sale, della cannella, dello zucchero semolato e del burro.

Fate scogliere il burro e intanto mettete in una ciotola lo zucchero semolato e la cannella.

Passate i brezel nel burro fuso e poi nella ciotola con zuchero e cannella, serviteli con del tè o caffè.

Il pane con il sole che splende tre volte

brezel classicoTra le varie leggende che raccontano della nascita del brezel, la più accreditata è quella che parla del panettiere di Bad Urach, suddito di Edoardo V.

La leggenda racconta proprio del rapporto tra i due, pare che il panettiere avesse commentato in modo poco carino la genealogia di Edoardo, il quale lo fece arrestare.

Il re, di buon umore, decise di dare una possibilità al panettiere: aveva a disposizione tre giorni per crerae un pane sul quale il sole splendesse tre volte, se non fosse riuscito nell’impresa, avrebbe pagato con la sua stessa vita.

Il panettiere lavorò per gorni all’impasto del pane, per la forma venne ispirato dalla moglie che lo guardava tenendo le braccia conserte.

Dopo ore e ore di lavoro, allo scadere dei tre giorni di grazia concessi, il panettiere di Bad Urach portò a termine il lavoro e si presentò al cospetto di Edoardo V.

Il re sollevò il pane e si accorse che il sole lo attraversava per tre volte come aveva richiesto.

Il panettiere fu salvo.