Archivio tag: fornitore di croissant per bar

La colazione internazionale

colazione internazionale

La colazione, oltre a essere di fondamentale importanza per il benessere di corpo e mente, è un’esperienza culturale:

Continentale, dolce ed equilibrata
English Breakfast, sostanziosa e ricca
Americana, mista con di tutto un po’ per non farsi mancare nulla
E tu di che colazione sei?

Scopri l’assortimento completo per la colazione dei tuoi clienti da Ristopiù Lombardia

Tornano gli Accademici dell’Accademia dei maestri Pasticcieri

croissant pasticcieri

Tornano con il loro 23° Simposio Tecnico gli Accademici dell’AMPI (Accademia Maestri Pasticcieri Italiani). Si riuniranno a Brescia dal 28 Febbraio al 2 Marzo per presentare colazioni, soggetti in cioccolato e torte a tema.

La manifestazione avrà inizio domenica 28 con il ritrovo introduttivo all’Hotel Villa Fenaroli di Rezzato nei pressi di Brescia. A seguire, il giorno 29, sarà la volta delle colazioni: dalle 6 del mattino un gruppo di Accademici, solitamente suddivisi secondo le aree geografiche di appartenenza, presenteranno le colazioni; bioches, croissant e delizie di pasticceria ideate ed elaborate dagli esperti durante i molteplici ritrovi annuali. Ogni gruppo infatti si incontra e confronta per scambiarsi consigli per una crescita professionale.

Poi sarà la volta della valutazione sensoriale delle torte e dei soggetti al cioccolato preparate per la manifestazione. La giornata terminerà con la cena informale e la consegna dei riconoscimenti istituzionali.

Martedì 1 marzo sono previsti gli interventi delle aziende partner e la visita al laboratorio di uno dei Maestri dell’Accademia, del quale non si conosce ancora il nome e per scoprirlo bisognerà seguire la diretta su twitter.

Nell’ultima giornata ci sarà spazio ancora per le colazioni proposte da uno dei gruppi di Maestri API. I lavori avranno fine alle 12.30 dopo l’excursus sulle tematiche interne e dopo l’intervento di una delle aziende invitate.

I croissant vegetali di Roberta

grano saracenoFare pasticceria salutista è possibile e le creazioni di Roberta Pezzella ne sono un esempio.

Roberta è una giovane pasticciera con alle spalle una gande esperienza maturata accanto a grani maestri come Rolando Morandin, Gabriele Bonci e Heinz Beck.

Nel suo laboratorio accanto agli ingredienti tradizionali come burro e latte, troviamo farine macinate a pietra con l’aggiunta di germinato di grano saraceno, che a suo dire danno il tocco in più. Secondo Roberta la pasticceria che si apre al vegetale è il futuro.

Alla base delle sue opera culinarie troviamo burro di cacao crudo, zucchero di cocco e lecitina di soia per emulsionare.

I croissant vegetali di Roberta sono sempre molto apprezzati, poco importa se costano un po’ di più. Piacciono perché sono più grandi e soprattutto perché hanno una crosta croccante e sottile, un sapore che fa invidia ai croissant francesi, merito dell’alveolatura della sfoglia. Pensate che, a parte la primissima qualità delle materie prime, anche la preparazione è degna di nota: l’impasto deve rigorosamente riposare una notte intera a 4 grandi.

Il termine croissant vegetali e non vegani è stato scelto volutamente da Roberta perché la base della sua pasticceria è il germinato di grano saraceno, che dona ai dolci un sapore particolare e molto gradevole.

Arriva il Salon du Chocolat a Milano

croissant cioccolatoUn settore di tutto rispetto con un valore di 2,5 miliardi e un’esportazione di 665 milioni di euro per il cioccolato, con ricorrenze ed eventi a celebrarlo. Arriva a Milano il Salon du Chocolat dal 13 al 15 febbraio, in pieno week end di San Valentino, al The Mall di Porta Nuova.

Saranno tre giorni per esplorare il cioccolato in tutte le sue declinazioni, per assaggiarlo nelle più svariate preparazioni, dai croissant, brioches e dessert della tradizione, alle più recenti istallazioni di design. L’evento è pubblico, aperto a privati ed operatori del settore, che potranno apprezzare la bravura dei maestri cioccolatieri e pasticcieri.

La location, ereditata dall’Expo di Milano, simbolo della nuova città risorta, è il palcoscenico adatto per celebrare la qualità delle materie prime e la creatività.

I Cantucci Toscani ottengono l’Igp

cantucci toscani briochesUn altro pezzo miliare della cultura culinaria italiana ottiene la certificazione Igp, si tratta dei buonissimi biscottini toscani che accompagnano il vinsanto: i Cantucci o Cantuccini.

Per la regione si tratta del 29° prodotto ad ottenere Il tanto ambito riconoscimento, che a tutti gli effetti da ora ne sancisce l’unicità della ricetta, con un conseguente vantaggio per qualità del prodotto toscano e per le aziende produttrici. Ciò si traduce in precisi standard per mandorle, burro, uova e miele per il terzo biscotto più conosciuto al mondo.

Si tratta di una grande opportunità per il mercato italiano che vede riconosciuta sul territorio e soprattutto all’estero un’altra delle sue unicità. È una vera e propria opportunità per le imprese toscane se si pensa che i Cantucci hanno un fatturato annuo di 35 milioni di euro con un export del 37%.

Croissant e brioches al carbone vegetale

Quella che ai più può sembrare solamente l’ennesima moda alimentare, in realtà contiene una novità assoluta.

Stiamo parlando dei croissant al carbone vegetale, quei simpatici cornetti dal particolare colore nero, nel cui impasto viene aggiunta una farina fatta appunto con carbone vegetale.

Sembra proprio che questi croissants e brioches contengano tutte le proprietà del carbone vegetale, in particolare siano molto più digeribili dei tradizionali.

carbone vegetale

Il carbone vegetale, come molti probabilmente sanno, è un integratore del tutto naturale, utilizzato per i disturbi dell’apparato digerente. Ha la capacità di assorbire i gas prodotti durante il processo digestivo, allevia il senso di pesantezza e riduce il gonfiore intestinale. Insomma, si tratta di un vero toccasana per chi è soggetto a questo tipo di disturbi e, in egual maniera, sembra che brioches e croissants acquistino le proprietà della particolare farina.

Inoltre anche l’estetica vuole la sua parte, infatti, i croissants e le brioches nere sono utilizzati per abbinamenti con farciture dai colori più svariati, pensiamo all’effetto candido della crema al latte su una sfoglia completamente nera!

Il Croissant anti stress

cornettoantistressFantastica invenzione per combattere lo stress del lavoro!

Il croissant vi accompagna dal bar all’ufficio, perchè è arrivato il croissant anti stress!

Si chiama “Croissant Stress Ball”ed è un cornetto che vi aiuta a scaricare la tensione della giornata, è adatto anche come poggia-polso da scrivania.

Ha tutte le caratteristiche di un vero croissant, non solo la forma, ma anche il profumo dato che il simpatico accessorio sa proprio di brioche appena sfornata!

www.toysblog.it

Il latte evaporato in croissant e brioches

croissant e briochesIn alcune ricette per preparare l’impasto di brioches è croissant si usa il latte evaporato, con il proposito di rendere il prodotto finale più morbido.

Il latte evaporato  una specie di latte condensato, ma meno dolce – poiché non vengono aggiunti zuccheri – e più semplice da preparare anche a casa. Il latte evaporato ha un contenuto lipidico inferiore rispetto a quello intero o alla crema di latte, quindi più adatto alla preparazione di ricette con meno grassi.

Il latte evaporato si ottiene semplicemente facendo scaldare il liquido fino a ridurlo del 60% con l’evaporazione dell’acqua stessa che contiene.

Ristopiù Lombardia ristopiulombardia.ursamajorgroup.org

Brioches a pasta danese

croissant nocciola e cioccolatoPer preparare i croissant e la pasta danese si usano gli stessi ingredienti (a parte l’aggiunta di aromi nella seconda), quello che cambia è la quantità. Nella pasta danese, infatti, si usa circa il doppio dello zucchero, del burro e delle uova nella prima parte di lavorazione, al contrario nella laminazione si usa la metà del burro -1 kg circa su 3,5 kg di impasto.

Dopo la cottura in forno le brioches con pasta danese sono meno croccanti dei croissants ma più morbide, con un sapore di burro più delicato.

Le forme cambiano, il croissant ha il caratteristico aspetto di una mezza luna, mentre la pasta danese è ottima per realizzare fagottini, scrigni farciti e molte altre forme fantasiose.

 

Croissant al bando

croissant cremaDietro i morbidi e profumati croissant c’è un significato storico ben importante. Sono nati per celebrare la vittoria cristiana contro gli invasori islamici, avvenuta nel 1683 a Vienna. Inoltre, in un secondo momento (prima metà del 1900), i croissant vennero portati in Siria dai francesi, scesi in quelle terre per farne una colonia.

A fronte di queste due vicende, i rigidi censori islamici hanno messo al bando i croissant perchè rappresntano la vittoria europea sul mondo islamico.