I gelati del Cafè Procope

Le-Procope gelatoSul finire del Seicento, in Italia, nacquero i primi gelati a base di latte. La storica invenzione è attribuita al cuoco siciliano Francesco Procopio dei Coltelli, ispirato dalle meravigliose novità e scoperte regalate dagli Arabi.

Dopo essersi fatto conoscere dai connazionali, decise di portare il suo sapere in Francia e nel 1686 aprì il famoso locale Café Procope che, pur avendo cambato sede, esiste ancora oggi.

Grazie ad una concessione di Luigi XIV il pasticcere aveva l’esclusiva su molti dolci: acque gelate o granite, fiori d’anice, fiori di cannella, frangipane, gelati di frutta e in particolare i tanto richiesti gelato al succo di limone, gelato al succo d’arancio, sorbetto di fragola.

Il Cafè diventò così popolare che tra i suoi ospiti possiamo ricordare: Voltaire, Victor Hugo, Napoleone, La Fontaine, Honoré de Balzac, Paul Verlaine George Sand, Anatole France, Robespierre, Danton e Jean-Paul Marat.

Immagine tratta da wikipedia.org