Archivio tag: distributore caffè al ginseng

Tazzina Pasticcina

 

tazzina pasticcina

 

La tazzina da caffè di buonissima pasta frolla che si mangia, pronta per essere gustata con tanti prodotti come il caffè, la cioccolata, il gelato, la mousse, il tè e tanto altro ancora per concederti una pausa caffè finoa all’ultimo morso!

La caffetteria format di punta dei bar italiani

caffetteriaArrivano i colossi americani nel mercato del caffè italiano, ma niente paura…l’espresso non teme rivali.

Dai danti rilasciati dalla Fipe – Federazione italiana pubblici esercizi –  all’ultimo Sigep di Rimini, riportano un quadro davvero interessante: ogni bar del Bel Paese, utilizza ogni giorno una media di 1,2 kg di caffè per servire 175 tazzine di espresso, cappuccino, e chi più ne ha più ne metta, applicando un prezzo medio (con riferimento la tazzina di espresso) di 0.96 centesimi di euro. Ne deriva un incasso giornaliero pari a 184 euro, che dimostra quanto il buon espresso italiano bevuto al bar non tema rivali.

Nel convegno organizzato dalla Fipe in collaborazione con l’Associazione Italiana Torrefattori si è parlato a trecentosessanta gradi della caffetteria, concludendo che pur restando il format di punta dei bar italiani, necessita di rilancio in termini di prodotto e di servizio. Ciò si tradurrebbe in un rinnovamento delle attrezzature e apparecchiature e in una maggiore qualificazione degli attori in gioco.

A tal proposito, altro dato importante riguarda gli operatori del settore – 363 mila – tra dipendenti e autonomi. Si stima che nel 2014 solamente il 18% delle richieste di personale delle imprese abbiano puntato sulla figura professionale del barista.

Ridurre la glicemia con il ginseng

caffè letterariPer verificare l’effetto che il ginseng produce su soggetti affetti da diabete mellito di tipo II, è stata effettuata una ricerca che ha visto protagonisti due gruppi di persone: il primo composto da 10 soggetti non diabetici e il secondo di 9 persone con diabete mellito.

Nei risultati ottenuti dai soggetti non affetti dalla patologia, non si osservano sostanziali differenze, per quanto riguarda la glicemia, se placebo e ginseng vengono somministrati contemporaneamente; invece, vi è una riduzione se, il ginseng viene somministrato 40 minuti prima del glucosio.

Nei soggetti con diabete mellito II la riduzione si nota in entrambi i casi: la glicemia postprandiale si riduce sia con assunzione contemporanea di ginseng e placebo, sia con assunzione distanziata. Quindi il ginseng dimostra di avere proprietà riducenti la glicemia postprandiale.

Meno caffè è più tecnologia

caffè ginsengIl caffè è protagonista delle pause durante le giornate di lavoro. Da sempre ci aiuta a spezzare la monotonia della giornata e ci aiuta a ricaricare le batterie.

Secondo una recente ricerca la pausa caffè starebbe sparendo per lasciare posto ad una più tecnologica pausa smartphone. Pare che i lavoratori si sentirebbero più rilassati e proattivi dopo aver  messaggiato o a giocato con il proprio telefono.

Sooyeol Kim e colleghi della Kansas State University, dicono «Un “micro-break smartphone” può essere vantaggioso per il lavoratore e l’organizzazione. Per esempio, se intendo giocare per un’ora durante le mie ore di lavoro, questo sarebbe sicuramente un male per il mio rendimento sul lavoro. Ma se prendo brevi pause di uno o due minuti durante il giorno, questo potrebbe offrirmi un ristoro dal mio lavoro».

Quindi lo smartphone da nemico del lavoro ad amico però, siamo convinti che, i più tradizionalisti non metterano mai da parte il loro amato caffè.

I benefici della caffeina

caffè ginsengMolte ricerche sono state fatte sul caffè e sulla caffeina per capire se fa bene e o fa male, secondo il Capo del Laboratorio di Epidemiologia delle Malattie Croniche dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS di Milano – Alessandra Tavani – la caffeina porterebbe benefici.

Secondo la ricercatrice la sostanza aiuterebbe a diminuire il senso di fatica e aumentare l’attenzione oltre a favorire la mobilità intestinale. La dose giusta di caffeina insieme all’aspirina aumenterebbe l’effetto antidolorifico.

Nel caffè si trovano anche altre sostanze molto utili alla salute, che contrastano l’insorgenza di patologie del cuore e del fegato, di alcuni tumori.

La Tavani osserva come il caffè in quantità giuste possa venire associato ad una diminuzione della mortalità totale.