Archivio tag: distributore di ginseng per bar

Tazzina Pasticcina

 

tazzina pasticcina

 

La tazzina da caffè di buonissima pasta frolla che si mangia, pronta per essere gustata con tanti prodotti come il caffè, la cioccolata, il gelato, la mousse, il tè e tanto altro ancora per concederti una pausa caffè finoa all’ultimo morso!

Di primo mattino al bar, cosa sapere

caffè al bar

Saper gestire i clienti del proprio bar non è sempre semplice, perché ne esistono di davvero complicati soprattutto se si pensa a quelli che entrano nel locale di primo mattino.

Per conquistare un cliente mattiniero è importante presentargli prodotti con nomi corti e chiari di modo che le ordinazioni avvengano rapidamente. Quasi sicuramente avrete di fronte qualcuno che chiede un caffè e una brioche al volo per poter correre al lavoro, quindi lasciate da parte caffè complicati (a meno che non vi vengano chiesti esplicitamente) e andate sul classico con espresso, corto, lungo, doppio, macchiato e cappuccino.

Lasciate da parte anche la Latte Art perché richiederebbe troppo tempo e come abbiamo detto il nostro cliente mattiniero è di fretta!

Aforisma Burt Lancaster

caffè ginseng bar

“Io giudico un ristorante dal suo pane e dal suo caffè”

Burt Lancaster

Ginseng e farmaci

fitoterapia ginseng

Degli effetti che il ginseng ha sull’organismo si sa ancora poco nonostante le innumerevoli ricerche condotte.

Si sa che stimola il metabolismo aiutando quindi a consumare i grassi; si sa che rinforza il sistema immunitario rendendo l’organismo più resistente all’attacco di agenti patogeni; si sa che tonifica sotto molteplici aspetti.

Secondo una recente ricerca il ginseng, assunto regolarmente e in quantità rilevanti, potrebbe interagire con altri farmaci, come nel caso del Warfarin un potente anticoagulante spesso assunto dagli anziani.

Lo studio è stato effettuato su un campione di giovani e sani adulti volontari, al quale è stato somministrato il Warfarin e il ginseng contemporaneamente per tre settimane consecutive. È emerso che la radice di ginseng ha diminuito i livelli del farmaco nel sangue con un conseguente depotenziamento della sua efficacia. La responsabilità è dei ginsenosidi, che aumentando l’attività dell’enzima epatico, porterebbe all’eliminazione della molecola del Warfarin.

Ciò non significa che bisogna demonizzare il ginseng e rinunciare a caffè o tisane, piuttosto bisognerebbe informare il proprio medico se si stanno seguendo delle fitoterapie nelle quali è impiegata anche la pianta del ginseng, per poter valutare se vi siano delle interazioni con altri farmaci. Come in tutte le cose, un consumo moderato non è dannoso.

Caffè al ginseng e studenti: addio sonnolenza.

caffè ginsengE’ risaputo che nella stagione primaverile i temibili pollini sono in agguato e per chi soffre di allergie questo è causa di numerosi problemi.

La pollinosi è un’allergia con risvolti spesso fastidiosi e per questo motivo la maggior parte delle persone si sottopone all’utilizzo di antistaminici con relative controindicazioni. Son gli studenti i primi a lamentare effetti indesiderati quali sonnolenza e stanchezza che soprattutto nei periodi di esame, possono essere controproducenti.

In aiuto arrivano le piante medicinali, tra le quali spicca per gli innumerevoli benefici, il ginseng. La combinazione caffè e ginseng in modo particolare è considerato un efficace rimedio naturale contro le allergie e ottimo per l’attenzione.

Il ginseng combatte il colesterolo cattivo

caffè ginsengLe proprietà del ginseng sono molte, tra queste anche quelle di tenere sotto controllo l’ipercolesterolomia. La somministrazione di ginseng aiuta le arterie a dilatarsi, rallentando la formazione di placche di aterotoma, le piastrine si aggregano molto più lentamente e la pressione sanguigna si regolarizza.

Il colesterolo cattivo si abbassa e aumenta quello buono, inoltre, in quanto anti stress, il ginseng aiuta l’organismo ad affrontare le situazioni stressanti, quelle che molto spesso causano una produzione eccessiva di colesterolo cattivo e portano a patologie cardiovascolari.

Il caffè protagonista al cinema

caffè ginsengIl caffè è spesso protagonista al cinema e in molti film ritroviamo scene in cui lo si consuma.

Nel genere western i casi sono moltissimi: il caffè si consuma a Fort Apache sul fare del giorno ne I cavalieri del Nord Ovest, per smaltire la sbornia in Ombre Rosse, al posto del whisky in Un Dollaro D’Onore, per spegnere il fuoco in Cowboy.

Nel film Balla coi Lupi, Kevin Costner usa il caffè come merce di scambio per ottenere l’approvazione dei nuovi amici indiani. In Johnny Guitar, Sterling Hayden dice Niente di meglio che una fumata ed una tazza di caffè.

Nel cinema italiano il caffè diventa protagonista indiscusso nella corrente neorealista: la moka fumante è un elemento ricorrente perché si apprezza la sua calda e corposa fumata. Il celebre Totò si accompagna con la preziosa bevanda in molte occasioni, in La Banda degli Onesti si costruisce un’intera scena consumando caffè. In I Tartassati dice Prendo tre caffè alla volta per risparmiare due mance.

Gli esempi sono davvero molti, nel cinema più recente è il caso di ricordare il film del 1970 con Ugo Tognazzi – Venga a prendere un caffè da noi – in cui Alberto Lattuada sorseggia del caffè.

Lo sai che…

radice ginsengLo sai che in Asia si coltiva molto ginseng. Esistono tante varietà di questa pianta, che differiscono in base alla coltivazione.

In Corea, ad esempio, è molto famoso il Ginseng Rosso, la varietà migliore che non subisce variazioni, perchè estratta a freddo.

In Italia cresce spontanea una pianta che ha proprietà simili al ginseng, anche se non possiede tutte le sue qualità. Questa pianta sia chiama Panace o Heracleum spondyKium.