Archivio tag: fornitore bar caffè ginseng

Aforisma Burt Lancaster

caffè ginseng bar

“Io giudico un ristorante dal suo pane e dal suo caffè”

Burt Lancaster

Il prezioso chicco nero del Kenya

caffè ginseng bar

Comunemente siamo abituati a pensare che il caffè arrivi solo dal Sud America, in realtà esistono molte rigogliose piantagioni anche in Africa.

È il caso dello stato del Kenya, che tra savana e foresta, tra monti e altopiani, custodisce un patrimonio inestimabile. In particolare a nord si trova uno dei rarissimi luoghi dove cresce in maniera spontanea il prezioso chicco nero, qualità arabica:  il monte Marsabit, un vulcano sulle cui pendici di basalto si estendo le piantagioni di caffè.

L’importante patrimonio, fonte di sostentamento per la popolazione, rischia di essere messo a repentaglio a causa di raccolte non sostenibili e dagli sconfinamenti illegali.

Se il caldo dell’estate si fa sentire combattilo così!

caffeginsengProvare per credere: ecco una ricetta che risolleva gli animi e risveglia le menti che l’afa estiva cerca di annebbiare. Caffè shakerato al ginseng pronto in 5 minuti!

Ingredienti: 1 tazzina di caffè al ginseng, 5 cubetti di ghiaccio, 3 cucchiaini di zucchero.

Procedimento: mettere il ghiaccio e lo zucchero nello shaker, versate in seguito il caffè bollente. Chiudete lo shaker e avvolgetelo con un panno.

Shakerate il tutto e.. versate.

Più facile a farsi che a dirsi!

L’invenzione del cappuccino durante la Battaglia di Vienna

cappuccino caffè ginsengSecondo le credenze popolari, il cappuccino sarebbe nato durante la Battaglia di Vienna.

L’esercito polacco-austro-tedesco con a capo il re polacco Jan III Sobieski contrastò l’assedio dell’esercito dell’Impero ottomano guidato dal Gran Visir Merzifonlu Kara Mustafa Pasha.

La Battaglia di Vienna fu l’ultimo atto delle guerre austro-turche, terminate con il trattato di Karlowitz.

Le popolazioni si sono tramandate oralmente la leggenda che racconta la nascita del cappuccino, pare che, durante il conflitto, Franciszek Jerzy Kulczycki abbia aggiunto del latte e del miele ad una tazza di caffè per addolcire il gusto intenso e amaro della bevanda.

Qualche tempo più tardi Franciszek Jerzy Kulczycki aprì una caffetteria a Vienna e utilizzò il caffè che gli invasori arabi avevano lasciato nell’accampamento.