Archivio tag: distributore glutens

Sempre più glten free nella ristorazione

aic celiachia

Il 2016 si apre con nuove iniziative, una di queste riguarda l’accordo firmato tra Aic (Associazione italiana celiachia) e Fic (Federazione italiana cuochi) per una collaborazione che aiuti a capire che cosa sia la celiachia e che diffonda la cultura “gluten free”.

Come si sa la preparazione di piatti senza glutine richiede una certa attenzione per evitare che anche minuscole contaminazioni possano provocare serie problematiche a chi è affetto da celiachia. Va da se che nella propria casa l’attenzione è massima, ma quando si va al ristorante bisogna mettersi nelle mani dei cuochi. Da qui parte l’idea di creare maggiore informazione sul tema alimenti senza glutine nel settore ristorazione professionale.

La sinergia tra Aic e Fic sta andando in questa direzione, realizzando diverse iniziative per divulgare e informare gli operatori del settore sulla dieta senza glutine e coinvolgerà anche il marchio Spiga Barrata.

 

Il glutine e lo svezzamento cosa sapere

svezzamento glutineLo svezzamento è una delle fasi fondamentali per abituare il bambino ai nuovi alimenti, non solo, con lo svezzamento si gettando le basi per un rapporto sano con il cibo.

A questo proposito il glutine deve essere introdotto solo dopo il 6° mese compiuto, salvo diverso parere del medico, perché è solo allora che l’apparato digerente del bambino riesce a tollerare tale proteina.

Introdurre troppo presto il glutine nella dieta del bambino, potrebbe dare vita ad intolleranze più o meno gravi, che rischiano di accompagnarlo per tutto il resto della vita. Quindi è bene aspettare il 6° mese per somministrare alimenti contenenti cereali, come creme multi cereali, biscotti (senza uovo), pastine, eccetera. In ogni caso in commercio esistono molteplici marche con molteplici prodotti che riportano sull’etichetta se l’alimento è gluten free.

 

 

SOS Glutine

glutineNegli ultimi anni si è assistito ad una crescente caccia alle streghe per quanto riguarda il glutine. Al supermercato si cercano sempre più prodotti gluten free anche se a farlo sono persone che non presentano alcuna intolleranza a questa sostanza.

I “puristi” demonizzano il glutine come se tale sostanza potesse nuocere alla salute di individui sani, in realtà le cose non stanno così. Se non si è affetti da celiachia o non si è sensibili al glutine, condizioni accertate e verificate da un medico, non è assolutamente necessario modificare la propria dieta in questo senso, perché il glutine non nuoce alla salute. Non è che una pasta gluten free sia più sana di una tradizionale o un pane senza glutine faccia sentire meglio di un uno con il glutine, sono solo erronee convinzioni.

Quindi continuate a mangiare un po’ di tutto, sempre in modo sano ed equilibrato.

Celiachia: predisposizione e fattori ambientali

gluten freeCome detto più volte la celiachia è una malattia che comporta diversi disturbi fisici, le cui cause sono attribuite all’intolleranza al glutine.

Studi recenti stabiliscono che la malattia si manifesti in soggetti predisposti che si trovino in taluni casi tipo, considerati cause scatenanti: i cosiddetti fattori ambientali.

Molti sono legati alla fase del puerperio, oppure a stress dovuto a grandi dispiaceri o ad interventi chirurgici.

Quindi la celiachia, per manifestarsi, richiederebbe una predisposizione, unita a fattori ambientali scatenanti; per questo motivo potrebbe comparire ad ogni età.