Archivio tag: Farine senza glutine

Corso Wellness con Ristopiù Lombardia

Scopri come soddisfare al meglio il tuo cliente celiaco, vegano e vegetariano

dalla colazione fino alla cena, passando per il pranzo.

Corso di preparazione e presentazione di prodotti per celiaci, vegani e vegetariani.

Vi aspettiamo a Varedo, presso la sede Ristopiù Lombardia via Monte Tre Croci.body body-1

La tapioca

 

tapioca senza glutine

La tapioca molto usata nelle diete senza glutine è un alimento che si ricava dalla lavorazione delle radici di manioca amara. La farina ottenuta è ricca di amido e povera di proteine e sali minerali. La manioca amara una pianta molto apprezzata e utilizzata nell’Africa equatoriale e nel Sudamerica.

Glutine modificato nelle farine

prodotti per celiaciAll’università di Foggia hanno scoperto un modo per rendere adatta ogni farina anche ai celiaci. Il segreto sta in un processo cui è sottoposta la granella prima della lavorazione, infatti pare che sia sufficiente sottoporla a lavaggio in acqua e successivo passaggio per pochi minuti al microonde prima della molitura.

Gli scienziati spiegano che in questo modo il glutine viene modificato a tal punto da non essere più riconosciuto dall’organismo, di conseguenza non si scatena alcun tipo di intolleranza. Le farine ottenute hanno le stesse caratteristiche delle farine normali, per quanto riguarda il sapore e la consistenze, ma una volta impastate il glutine prodotto non è riconoscibile dai chi soffre di celiachia.

Farine senza glutine

farina celiaciUn nuovo allarme per la salute delle persone, pare che negli ultimi anni la sensibilità al glutine e la più grave celiachia si stiano diffondendo nella popolazione.

Sempre più pazienti si recano negli ospedali o dal proprio medico lamentando intolleranza al glutine. La causa va ricercata nel processo di lavorazione a cui vengono sottoposte le farine, un processo di sofisticazione con additivi. A questo proposito, può essere utile controllare attentamente le etichette degli alimenti, evitare farine addizionate artificialmente con glutine – ne sono un esempio le miscele per pizze pronte – e preferire naturali, laddove sia possibile, lavorate ancora su pietra.